10.31.2014

Forse il Prefetto Zappalorto non ha ben chiara la situazione sul campo a Gorizia e istituzionale

Dichiarazione di Michele Miglior, Segretario Associazione Radicale "Trasparenza è Partecipazione" - Gorizia e Marco Perduca, Senatore nella XVI legislatura e rappresentante all'Onu del Partito Radicale:
Destano particolare sorpresa, seguite immediatamente da preoccupazioni, anche istituzionali, le dichiarazioni del Prefetto di Gorizia Vittorio Zappalorto che ha affermato alla stampa che i richiedenti asilo arrivati nelle settimane scorse a Gorizia “non hanno diritto ad essere riconosciuti né come profughi né come rifugiati".
 

Non ci risulta che il dottor Zappalorto abbia avuto l'occasione di incontrarli uno per uno, ma, se anche l'avesser fatto, non spetta a lui stabilire lo status individuale delle decine di persone che abbiamo incontrato nei giorni scorsi.
 

L'organo incaricato a stabilire se i richiedenti asilo abbiano titolo e possibilità per esser riconosciuti tali in base alla Convenzione sui rifugiati del 1951 è la commissione territoriale dopo attento e approfondito studio. Attento e approfondito studio che non deve esser vittima di esternazioni istituzionali come quelle del Prefetto.
Il Prefetto, che come si sa ha il doppio incarico di commissario per il MOSE di Venezia, dovrebbe esser particolarmente prudente nel rilasciare dichiarazioni a mezzo stampa, glielo impone il suo ruolo di rappresentare il Governo di Roma in città e quindi di garante della legalità costituzionale. Il nostro ordinamento interno, nonché gl obblighi internazionali derivanti dall'aver ratificato decine di trattati internazionali in materia di diritti umani, impongono il rispetto di norme e procedure precise. Gli stati d'animo individuali non possono appartenere alla sfera pubblica.

Ci pare invece piuttosto urgente l'avvio di una collaborazione o coordinamento tra istituzioni locali al fine di garantire trattamenti umani e non degradanti delle centinaia di persone che ormai si trovano sul territorio di Gorizia. A oggi, grazie alla Provincia e al generoso apporto di decine di volontari, si è riusciti a gestire una situazione difficile, è irragionevole ipotizzare che questo stato di cose possa permanere ancora per molto...

Infine, in un momento in cui Governo e Parlamento decidono di limitare il trattenimento di cittadini extra-comunitari nei Centri di identificazione de espulsione, ci è sembrato del tutto inopportuno
pensare ad una riapertura del CIE a Gradisca d’Isonzo, anche solo per ospitare i rifugiati nel territorio. Il CIE in questione è strutturato come se fosse un carcere di massima sicurezza - costato ahinoi 800mila euro - che non può esser considerato una struttura d’accoglienza prevista dalla legge.

10.19.2014

“Stato di diritto contro Ragion di Stato”


 
Presentazione degli Atti del Convegno di Bruxelles “Stato di diritto contro Ragione di Stato” alla Camera dei Comuni
Il 22 ottobre 2014 verranno presentati alla Camera dei Comuni a Londra gli Atti della Conferenza di Bruxelles “Stato di diritto contro Ragion di Stato” tenutasi a febbraio. Dopo dieci anni di campagne condotte soprattutto al Parlamento europeo e in Italia, il Partito Radicale e Non c’è Pace Senza Giustizia tornano a Londra, alle radici dell’iniziativa, per compiere il passo successivo volto a ripristinare la fiducia nella democrazia e nello Stato di diritto.

Per fare ciò, è fondamentale il coinvolgimento attivo del Regno Unito, uno dei Paesi democratici più antichi. Pertanto, la presentazione servirà anche come trampolino di lancio per la Seconda Conferenza di Bruxelles, che discuterà come migliorare il rapporto tra i governi e l’opinione pubblica, attraverso la possibile creazione di un diritto umano alla conoscenza.
La presentazione si terrà a Portcullis House, nella sala Grimond dalle 9:30 alle 11:30, sotto gli auspici dell’on. Norman BAKER Sottosegrario all’Interno lib-dem che ha prestato notevole attenzione nel corso degli anni all’Inchiesta Chilcot sulla guerra in Iraq e alle conseguenze di questa. Altri partecipanti includono Owen THOMAS docente di Politica e Relazioni Internazionali presso l'Università di Exeter, Stephen PLOWDEN cittadino britannico che ha presentato una richiesta di accesso alle informazioni tramite il Freedom of Information, Marco PERDUCA già Senatore radicale, Niccolò FIGA’-TALAMANCA Segretario Generale di Non c'è Pace Senza Giustizia (NPSG) e Marco PANNELLA leader del Partito Radicale. Sarà presente anche Lord STEEL ex leader del Partito Liberale, primo Presidente del Parlamento scozzese e autore della legge sull'aborto nel Regno Unito.


Stato di diritto contro Ragion di Stato”

Londra 22 Ottobre 2014

Portcullis House, Sala Grimond 9:30 – 11:30


Norman BAKER, Deputato e Sottosegretario agli Interni

Owen THOMAS, Professore di Relazioni Internazionali all’Università di Exeter

Stephen PLOWDEN, Cittadino britannico, appellante con il Ministero degli Affari Esteri tramite Freedom of Information Act

Marco PERDUCA, già Senatore, Partito Radicale Nonviolento transnazionale e transpartito (PRNTT)

Niccolò FIGA’-TALAMANCA, Segretario Generale di Non c’è Pace Senza Giustizia

Marco PANNELLA, Leader del PRNTT


Sarà presente Lord David STEEL, già Leader del Partito Liberale

“Rule of Law v. Reason of State”



Presentation of the written proceedings of the Brussels Conference

Rule of Law v. Reason of State”

On 22 October 2014, the Written Proceedings of the Conference held in February in Brussels “Rule of Law v Reason of State” will be presented at the House of Commons in London. After ten years of campaigning mainly at the European Parliament and in Italy, the Nonviolent Radical Party together with No Peace Without Justice is returning to London, to the roots of their campaign, to take the next step aimed at restoring trust in democracy and the Rule of Law.



To do so, it is crucial that one of the oldest democratic countries, such as the United Kingdom, be actively involved. Therefore, the presentation will also serve as a springboard for the launch of a second Brussels Conference which will discuss how to improve the relationship between Governments and the public, through the possible creation of a universal Human Right to Know.



The presentation will be held at Portcullis House, in the Grimond Room from 9:30 to 11:30, under the auspices of the Rt Hon Norman BAKER MP, Home Office Minister who has been paying significant attention over the years to the Iraq Inquiry and to the consequences of the Iraq war. Participants include: Dr Owen THOMAS, Lecturer in Politics and International Relations at the University of Exeter, Stephen PLOWDEN, a retired private British citizen who filed a request under the Freedom of Information, Marco PERDUCA, former Senator with the Nonviolent Radical Party transnational and transparty (NRPTT), Niccolò FIGA’-TALAMANCA, Secretary-General of No Peace Without Justice (NPWJ) and Marco PANNELLA, Leader of the NRPTT.



Rule of Law against Reason of State”London 22 October 2014
Portcullis House, Grimond Room 9:30 – 11:30

Rt Hon Norman BAKER MP, Home Office Minister

Dr Owen THOMAS, Lecturer in Politics and International Relations at the University of Exeter

Stephen PLOWDEN, Private citizen, appellant with Foreign & Commonwealth Office

Marco PERDUCA, former Senator, Nonviolent Radical Party transnational and transparty (NRPTT)

Niccolò FIGA’-TALAMANCA, Secretary of No Peace Without Justice (NPWJ)

Marco PANNELLA, Leader of the NRPTT





With the presence of Lord STEEL of AIKWOOD, former Leader of the Liberal Party

10.16.2014

Presentazione di @operazionidigov con @MarcoPannella @BenDellaVedova a @RadicalParty

Presentazione di Operazione Idigov, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite con Marco Pannella, Benedetto Della Vedova, moderata da Alessio Falconio